Archivio tag: abbandonare è reato

12 maggio 2012: giornata dei rifugi Enpa aperti!

foto da enpa.itEnpa, in collaborazione con Pizzardi Editore, ha dato il via ad una simpatica iniziativa che permetterà di adottare a distanza ben 3500 trovatelli che si trovano nelle oasi e nei rifugi Enpa.
Come?
Lo strumento utilizzato é l’album AMICI CUCCIOLOTTI 2012 attraverso il quale si cerca di sensibilizzare in maniera giocosa i bambini e le loro famiglie a amore, rispetto cura nei confronti degli animali.
Continua a leggere

Le denunce non si fanno via sms!

immagine by: brunoolivieri.com

A seguito del lancio da parte dell’associazione Aidaa (Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente) di un nuovo servizio attraverso cui segnalare situazioni di maltrattamento via sms, le associazioni ENPA, LAV, Lega Nazionale per la Difesa del Cane, Le.I.D.A.A., OIPA, e Save the dogs sottolineano che tale servizio è altamente fuorviante per coloro che si trovano ad assistere a reati nei confronti degli animali, oltre a mettere in pericolo gli animali stessi.

Continua a leggere

ABC del “volontario di strada”.

Regola n. 1

Tenete sempre con voi tutti i regolamenti comunali a tutela degli animali della vostra città. Se il vostro comune possiede un regolamento tutela animali, stampatene una copia e tenetela a portata di mano, magari evidenziandoci sopra i punti che più vi potrebbero servire.
Laddove non esistesse tale regolamento, faranno testo quelli preesistenti relativi alla gestione del benessere cittadino (di norma, il regolamento di Polizia Urbana o equivalenti). Esistono spesso anche regolamenti inerenti spettacoli o eventi itineranti che coinvolgono animali (es., circhi, fiere), oppure che trattano situazioni tipiche di un dato comune (come per le Botticelle di Roma).
In ogni caso per legge oggi ogni comune deve rendere pubblici, sul proprio sito istituzionale e ufficiale, tutti i propri regolamenti, ordinanze e via dicendo. Se così non fosse, verificate il perché presso il vostro comune e se non si arrivasse a un esito positivo, informate Feder F.I.D.A.
Feder F.I.D.A. sta pubblicando TUTTI i regolamenti comunali – che riguardano gli animali – esistenti al momento, ci vorrà solo un po’ di tempo dato che in Italia i comuni sono oltre 8000.

Se non esistesse nessuno di tali regolamenti, fa testo la legge regionale a tutela degli animali e prevenzione randagismo, che in ogni regione è nata come messa in atto della famosa legge nazionale 281/91 e quindi portatene con voi una bella copia stampata.

Continua a leggere

Trovo un cane per strada: cosa faccio?

Trovate un cane ferito in strada.
Chiamate, come la regola impone, i vigili - che sono gli unici autorizzati a chiamare la ASL (e i veterinari, tenuti a essere reperibili 24 h, visto che li paghiamo ben 5-6.000 euro al mese)
Il vigile di turno vi dice, con sorriso ironico, che lui “non ha competenza in merito”.
Tu, volontario di strada, nella tua borsa oltre a crocchette e antiparassitari vari, dovrai portarti SEMPRE le fotocopie delle normative di base e delle leggi: faranno spegnere il sorrisetto a quel vigile!
La scena sarà così la seguente: tirerai fuori la tua bella fotocopia dove sono scritti a caratteri cubitali i DOVERI di quel vigile “sorridente”. Glielo porgerai e gli dirai: “Caro Signor vigile, le lascio questo manifestino che le sarà molto utile per evitare di prendersi una denuncia… Io mi vado a prendere un caffé, lei se lo legga e scoprirà, suo malgrado, che quanto mi ha appena detto non corrisponde a quanto dice questo! Ah, dimenticavo… quando torno LA INTERROGO!

Essere “volontario di strada” deve diventare un MONITO per tutti i sorrisi che fino a ora avete incontrato.
Il “volontario di strada” ha una dignità che non deve essere calpestata, né intimorita dal primo sorrisetto che incontra!

Ecco perché abbiamo sentito l’esigenza di dedicarvi questa sezione.
Buon lavoro a tutti e… sempre grazie!

Fonte: federfida.org

Vuoi dare il tuo contributo? Vota questo blog!

È il momento di dire BASTA alle ASL inadempienti. Firma la petizione di FIDA.

Ogni volta che ci indigniamo di fronte alle foto raccapriccianti che ci mostrano lo stato degli animali nei canili/rifugi italiani, dobbiamo sempre ricordarci che quelle immagini non le vedremmo mai SE SOLO chi è per legge preposto al controllo di quelle strutture si comportasse conformemente ai propri doveri di ufficio. Doveri per i quali, peraltro, percepisce notevoli stipendi superiori di gran lunga a quelli di qualsiasi altro impiegato pubblico.

Di chi parliamo?
Come diceva una canzone…

… “Solo tre parole”: ASL SERVIZI VETERINARI

Gestori privati o i comuni che gestiscono in proprio sono la PUNTA DELL’ICEBERG, ma il RESPONSABILE va individuato alla base, perché è da lì che si consente e si permette che tutto questo accada nell’omissione, nell’indifferenza e nel totale  menefreghismo!
Se vogliamo veramente che le cose cambino dobbiamo cambiare noi e iniziare a valutare un MODO DIVERSO col quale poter far rispettare doveri e leggi!

Incominciamo a PARLARE senza PAURA?
Incominciamo a FARE e non più a SUBIRE?

Feder F.I.D.A. è pronta ad accogliere le vostre testimonianze ad accompagnarvi in un percorso legale e legittimo per voi, doveroso nei confronti degli animali e in memoria di quanti non ci sono più, ma che chiedono giustizia per quelli rimasti!

Ora a voi la scelta… ma ricordatevi che la vostra paura è pari alla loro omertà!

FIRMA LA PETIZIONE CONTRO LE ASL INADEMPIENTI.

Continua a leggere