Barchette di melanzane e riso.

La ricetta che vi propongo è tipica della cucina mediterranea, infatti il profumo del basilico fresco e la salsa di pomodori rende questo piatto, uno dei migliori della tradizione pugliese. È ideale da mangiare nelle serate estive, dopo una bella giornata trascorsa al mare (dove spesso preferiamo consumare frutta o cibi leggeri), accompagnato da un buon contorno di melanzane grigliate con olio, sale, aglio e menta.

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 melanzane (piccole)
  • 100 g di Veg parmigiano
  • 500 g di pomodori freschi o passata di pomodoro
  • Olio per friggere
  • Olio di oliva, sale, basilico
  • 300 g di riso parboiled
  • Cipolla

Difficoltà: °°

Preparazione

Laviamo e tagliamo a metà le melanzane, svuotiamone l’interno, che lo mettiamo da parte se vogliamo preparare in seguito le melanzane da grigliare. Asciughiamo bene le barchette di melanzana che abbiamo ottenuto, mettiamo in una padella alta l’olio per friggere e le facciamo dorare. Quando sono pronte, le poniamo sulla carta assorbente. In un pentolino facciamo soffriggere la cipolla e prepariamo il sugo con i pomodori e il basilico fresco, se andiamo di fretta usiamo la passata, aggiungiamo il sale e lasciamo cuocere per mezz’ora. Lasciamo freddare e con il passaverdure, facciamo la salsa di pomodoro. Nel frattempo mettiamo il riso a bollire in acqua salata e lo lasciamo cuocere per 5-6 minuti. Lo scoliamo e lo lasciamo freddare. Prendiamo una tiella da forno e la cospargiamo leggermente con un po’ di passata, adagiamo le nostre barchette, amalgamiamo il riso con un po’ di sugo, mescolando bene. Con un cucchiaio riempiamo le barchette con il riso, poi copriamo con il sugo che ci è avanzato e spruzziamo il veg parmigiano sopra. Mettiamo in forno preriscaldato a 180° e lasciamo cuocere per una trentina di minuti, finchè si crea una crosta dorata.

Gallery fotografica del piatto:

Il profumo del basilico è inconfondibile, e mi viene da pensare alle parole del sonetto in dialetto romanesco, che Aldo Fabrizi dedicò a questa pianta e che riporto di seguito, per celebrare questo piatto:

A parte che er basilico c’incanta

perché profuma mejo de le rose,
cià certe doti medicamentose
che in tanti mali so’ ‘na mano santa.

Abbasta ‘na tisana de ‘sta pianta
che mar de testa, coliche ventose,
gastriti, digestioni faticose
e malattie de petto le strapianta.

Pe’ via de ‘sti miracoli che ho detto,
io ciò ‘na farmacia sur terrazzioni,
aperta giorno e notte in un vasetto.

Dentro c’è ‘no speziale sempre all’opera,
che nun pretenne modulo e bollino
e nun c’è mai pericolo che sciopera.


© RIPRODUZIONE INTEGRALE O PARZIALE VIETATA SENZA LINK ALLA FONTE: http://www.vegamami.it/

Ti piace il blog? Seguici! ;-)

antonella tomassini

antonella tomassini

sono vegan e son contenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.