Fiaccolata contro le stragi degli animali da macello a Natale.

Si è tenuta sabato 18 dicembre a Milano la fiaccolata organizzata da LAV, Animalisti Italiani Onlus, Gaia Onlus e altre associazioni, per sensibilizzare tutti i cittadini sulle conseguenza delle nostre scelte alimentari, che stanno compromettendo l’ambiente e che causano enormi sofferenze agli animali.

In occasione del Natale migliaia di animali “sacrificati” trionfano sulle tavole. Il Natale però dovrebbe essere soprattutto un momento dedicato alla riflessione sulla pace, l’amore, la condivisione, la solidarietà.

Ogni anno 60 miliardi di animali vengono uccisi diventare cibo e la domanda aumenta sempre di più. Gli allevamenti diventano sempre più intensivi, non si guarda più alla qualità ma alla quantità e gli animali sono considerati semplici oggetti destinati, dopo enormi sofferenze, a finire al macello.

Gli allevamenti intensivi inoltre sono una delle cause principali dell’inquinamento del pianeta. La produzione di carne produce il 63% degli ossidi di azoto. Per produrre 1 kg di carne sono necessari 5 kg di cereali molto più ricchi di proteine.
E’ necessaria una rivoluzione culturale nella nostra alimentazione. Se proprio non si riesce a farne a meno, sarebbe doveroso da parte di tutti ridurre almeno il consumo della carne (cosa che ormai consigliano molti medici).

Alla manifestazione contro l’uso della carne hanno preso parte numerose associazioni come: Apida, Agire Ora, Asilo del Cane di Palazzolo, Laboratorio Antispecista, LAC, Laika & Balto, LEAL, Lega Nazionale Per La Difesa Del Cane, LIDA, Movimento Abolizione della Carne, No alla Caccia, Oipa, Oltrelaspecie, Spaziopernoi, Tom & Gerry Onlus, Veggie Pride, Vita da cani, Vita Universale e UTA Comune di Milano, UDA Provincia di Milano.

Fonte

Ti piace il blog? Seguici! ;-)

LadyCat

LadyCat

Amministratrice di VegAmami! Vegetariana dal 2002, volontaria in canili e CRAS per tanti anni, mamma, moglie, maestra, innamorata degli animali selvatici e della vita di campagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.