Attenzione ai finti Spacciatori!

Ho appena appreso dal web una notizia incredibile, e dunque ne approfitto per parlarvi della pasta madre.

La notizia che ha dell’assurdo è questa:

Gli spacciatori di pasta madre regalano la loro pasta!

(e fin qui tutto nella norma, aggiungio io!)

Invece, specialmente su Facebook, ci sono persone che si presentano come spacciatori ‘aggratiss, invece si fanno rimborsare spedizioni COSTOSISSIME E INVEROSIMILI.
NON FATEVI ABBINDOLARE!
Cercatevi spacciatori vicino casa e andate a ritirarla da voi la vostra pasta madre.

Io ed il mio compagno ne produciamo molta e a volte non riusciamo a regalarla tutta, ad esempio, se siete nelle zone di Pisa e dintorni, non esitate a chiedere. 🙂

Per chi non lo sapesse, la pasta madre non è altro che lievito naturale, chiamato anche lievito acido, pasta acida, lievito madre, pasta madre e crescente, è un impasto di farina e acqua acidificato da un complesso di lieviti e batteri lattici che sono in grado di avviare la fermentazione. A differenza del cosiddetto lievito di birra, il lievito naturale comprende, tra i lieviti, diverse specie di batteri lattici eterofermentanti ed omofermentanti del genere Lactobacillus. La fermentazione dei batteri lattici produce acidi organici e consente inoltre una maggiore crescita del prodotto e una maggiore digeribilità e conservabilità.

 


Con la pasta madre si possono realizzare tantissime ricette.

Qui ve ne lascio una, quella dei panini all’olio:

Ingredienti:

  • 100 g pasta madre rinfrescata dal giorno prima
  • 500 g farina 0
  • 260 g circa di acqua
  • 50 g olio
  • 10 g sale

Procedimento:

Fare una fontana con la farina e mettere nel centro un po’ di acqua, scioglierci la pasta madre strizzandola bene tra le dita e amalgamare man mano tutta la farina, aggiungendo l’acqua necessaria, unire il sale e l’olio e lavorare finchè avremo ottenuto un impasto liscio ed elastico.

Mettere a lievitare in una ciotola coperta (io ho diviso a metà, inserito la salvia in una di queste e messo a lievitare in due ciotole separate).
Dopo circa 4 ore, sgonfiare l’impasto e ricavare i panini (8 in totale) dando una forma ovale, depositare in teglia ricoperta di carta forno, ben distanziati tra loro e far lievitare per altre 3 ore. Accendere il forno a 180° in modalità ventilato, spennellare i panini con un’emulsione preparata con 150 ml di acqua e 1 cucchiaio di olio. Infornare e cuocere per 30/40 minuti.
Sfornare e far freddare su una gratella.
Si mantengono morbidissimi anche il giorno dopo.


Come conservare la pasta madre:
Esistono vari sistemi per conservare il lievito naturale. Quando si usa spesso per fare il pane o altro, diciamo almeno una volta alla settimana, conviene tenerlo fresco, conservandolo in un recipiente di vetro chiuso con la pellicola per tre o quattro giorni; altrimenti in frigorifero anche per cinque o sei giorni, ma in questo caso va rinfrescato almeno una volta prima di utilizzarla, perchè con il freddo si addormenta.
Se volete partire o fermarvi per un po’ per qualsiasi motivo, potete anche tenerla nei seguenti modi:
Surgelata:
In una busta per surgelare nel congelatore. Quando vi serve la lasciate scongelare, deve essere a temperatura ambiente, poi fate i rinfreschi fino a che non raddoppia in tre ore; a questo punto è pronta per essere utilizzata.
Secca:
Si spalma con una spatola in uno strato sottile sulla carta forno e si lascia asciugare all’aria. Dopo un paio di giorni, quando si secca, si puo’ staccare e mettere in un vasetto.


© RIPRODUZIONE INTEGRALE O PARZIALE VIETATA SENZA LINK ALLA FONTE: http://www.vegamami.it/

Ti piace il blog? Seguici! ;-)

mimi strega

mimi strega

Realizzo sapone decorativo, candele decorative ed aromaterapiche e manufatti vegetali e naturali ( candele ed oli da massaggio, unguenti, pomate ..) ponendo molta cura, attenzione e consapevolezza agli ingredienti utilizzati, che sono dunque sempre biologici e sicuri: erbe, piante, fiori e prodotti naturali che la natura ci offre in abbondanza e che sono a disposizione di tutt* raccolti e coltivati da me o provenienti da agricoltura biologica. Osservo animali, piante ed erbe perchè mi sembrano molto più sagge e autogestite di noi! Questo il mio Blog: http://ilsaponedimimi.blogspot.it/

2 commenti su “Attenzione ai finti Spacciatori!

  • 19 Febbraio 2015 alle 19:47
    Permalink

    Ciao! Ho letto il tuo articolo sugli “spacciatori di pasta madre” proprio mentre ne cercavo uno a Pisa! Non ho mai lavorato la pasta madre, ma mi diletto con il lievito di birra, per pizze, focacce, pane e panini, ma anche dolci! Sono sempre stata incuriosita dalla pasta madre, mi piacerebbe provarla! So che non è molto facile perché va “ravvivata” spesso! Comunque, puoi aiutarmi?
    Fernanda.

    RispondiRispondi
  • 13 Agosto 2015 alle 23:18
    Permalink

    buonasera, in che zona siete di pisa?!?
    Io abito a ponsacco….purtroppo la mia pasta madre morì, per via di una dimenticanza fuori dal frigo, per via del lavoro…. Inspiegabilmente mi fece della muffa…. E non mene sono data ancora pace….. ho provato altre tre volte a ricrearla con farina e yogurt di partenza ma niente, prima delle 48ore di fermentazione mi forma la muffa e non va avanti…. potreste aiutarmi evitandomi la creazione da zero? Vene sarei grata a vita….
    Grazie lisa.
    [email protected]

    RispondiRispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.