Categories
No alla vivisezione

Le sperimentazioni sostitutive e l’antivivisezionismo scientifico.

L’analisi effettuata dalla LAV su centinaia di protocolli sperimentali inviati al Ministero della salute prima di apprestarsi a svolgere esperimenti su animali mostra un grave inadempimento da parte degli utilizzatori. Infatti non uno di tali protocolli riporta una relazione dettagliata sul perché nel caso specifico non si possa ricorrere a metodi alternativi alla vivisezione (e sostitutivi),  come ad esempio la sperimentazione su culture cellulari. Eppure, come risulta dal rapporto LAV 2004, emerge un importante dato: il 40% degli animali viene ucciso col solo scopo di allestire colture cellulari; se al posto di questi venissero impiegati tessuti umani provenienti da biopsie, interventi chirurgici di vario tipo o da cadavere, si risparmierebbe la vita a migliaia di animali ogni anno.

Categories
No alla vivisezione

Il business della vivisezione.

Da anni le associazione animaliste denunciano il business della vivisezione. Sulla vivisezione prospera infatti un’industria per la quale la prova sugli animali è un certificato di garanzia per tutte le sostanze chimiche, per tutti i veleni che vengono immessi nell’ambiente naturale. Ma accanto all’industria farmaceutica e a quella dei cosmetici, prospera l’industria parallela dell’allevamento e della vendita di animali destinati alla vivisezione.

Categories
No alla vivisezione

Vivisezione: cosa dicono le statistiche?

Secondo le statistiche ufficiali (spesso inattendibili per difetto) solo in Europa la vivisezione comporta trattamenti medici traumatici su circa 12 milioni di animali all’anno, con il decesso accertato di circa 1 milione di essi. 17 milioni sarebbero gli animali sacrificati ogni anno nei centri di ricerca degli Stati Uniti. In Italia risulta che ogni anno oltre 1 milione di animali vengano impiegati per fini scientifici o sperimentali.

Categories
No alla vivisezione

Cos’è la vivisezione?

Per vivisezione s’intende la dissezione anatomica di esseri viventi eseguita a scopo di studio e ricerca. Si tratta quindi di un tipo di sperimentazione effettuata su animali di laboratorio che porta alterazioni a livello anatomico o funzionale. In senso più ampio il termine vivisezione è usato anche per definire tutti quei tipi di test che usano soggetti viventi animali come l’esposizione a radiazioni, o l’inoculazione di sostanze chimiche, di gas, batteri, virus, ecc.

Categories
No alla vivisezione

Nicotina e sperimentazione su animali.

Cosa sta dietro a sigarette, multinazionali del tabacco e sperimentazione animale?

Per decenni le multinazionali del tabacco si sono nascoste dietro alla sperimentazione animale, cercando di dimenticare che tutto quello che sappiamo sul cancro ai polmoni e sulle altre malattie correlate al fumo è stato scoperto grazie a studi epidemiologici e clinici e non dalla vivisezione.