Categories
Dalla loro parte News

Balzoo, banco alimentare per cani e gatti.

clochardBalzoo (Banco alimentare zoologico) è il primo Banco alimentare zoologico e si trova a Milano. E’ nato per raccogliere cibo per i gatti e gli animali abbandonati nei canili. Per sfamare i cani che fanno compagnia ai clochard, ma anche per aiutare le famiglie in difficoltà ad arrivare alla fine del mese, che faticano a mantenere i propri amici a 4 zampe, ma non vogliono separarsene.
L’iniziativa è scaturita da una collaborazione con i City Angels, col proposito di allargarsi a breve in tutta Italia. La prima distribuzione partirà da corso Europa, a due passi da piazza San Babila, per sfamare i cani dei clochard in centro.
“Abbiamo molti poveri che saranno felici di ricevere cibo per i propri animali – spiega Mario Furlan, fondatore dei City Angels – e non penso solo ai clochard, ma anche ai cani, ai gatti e agli animali domestici di tante famiglie in grave crisi economica che fanno già fatica a fare la spesa per loro stesse”.

Categories
News

Ha un attacco epilettico, la gatta gli salva la vita.

LONDRA – Dopo un attacco epilettico che gli ha quasi tolto la vita, Nathan Cooper è stato salvato dalla sua gatta Lilly. La micetta è infatti in grado di capire quando ci sarà un attacco e far in modo di avvertire i genitori del 19enne. “É una gatta molto tranquilla – racconta la madre Tracy – ma quando Nathan sta per avere un attacco inizia a correre su e giù per le scale e a miagolare con tutta la sua forza. Lilly riesce a prevenire gli attacchi”. Il gatto, che ha 14 mesi, vive dalla famiglia Cooper da un anno e la donna è convinta che più di una volta abbia salvato la vita di suo figlio. “Dopo un attacco forte, Nathan ha smesso di respirare e Lilly era visibilmente agitata, ha iniziato a leccare la bocca di mio figlio e lui in qualche modo ha ripreso a respirare”. Il personale dell’ospedale ha poi spiegato alla signora Cooper che può capitare che gli animali riescano a percepire le crisi epilettiche in arrivo. Alcuni esperti sostengono infatti che l’olfatto che cani e gatti possiedono, li aiuti a individuare in anticipo cambiamenti chimici impercettibili dall’essere umano.

Fonte

Vuoi dare il tuo contributo? Vota questo blog!