Messina, ecco l’ospedale degli animali.

La struttura comprende l’ospedale veterinario per grandi animali, quello per piccoli animali e la sala necroscopica

MESSINA – Per la prima volta in Sicilia nasce nella facoltà di Veterinaria di Messina l’ospedale degli animali. La struttura comprende l’ospedale veterinario per grandi animali, quello per piccoli animali e la sala necroscopica. Consentirà agli studenti di provare sul campo quello che imparano ogni giorno sui libri ed in aula, e al territorio di poter contare su una struttura di alta qualificazione dotata di sale operatorie e strumenti diagnostici. Organi dell’ospedale saranno il comitato di gestione, che sarà designato dal consiglio della facoltà di Veterinaria e resterà in carica quattro anni. Il primo ospedale siciliano per animali sarà operativo presto 24 ore su 24.

Intanto, è partita la cosiddetta fase di simulazione. Un ambulatorio dotato di sale chirurgiche è attivo dal lunedì al venerdì. A decidere di avviare la fase sperimentale sono stati i professori Antonio Pugliese, che è attuale presidente del comitato di gestione, i professori Santo Cristarella e Nicola Iannelli e naturalmente il preside di Scienze veterinarie Vincenzo Chiofalo. Saranno presto coinvolti, tramite un bando, anche quattro professionisti esterni che copriranno i turni ospedalieri assieme ai docenti.

L’ospedale costituirà tra l’altro una sorta di guardia medica con tanto di pronto soccorso e piastra chirurgica operativa notte e giorno. Nel grande padiglione attrezzato ci sono guardia medica, sale degenze, sale chirurgiche, radiologia, foresteria per i medici di guardia. La struttura occupa duemila metri quadri in un ampio edificio che costituisce l’ultima palazzina della facoltà. I professionisti esterni collaboreranno con i 22 veterinari che fanno parte dell’organico della facoltà. Sono arrivate poi attrezzature che nulla hanno da invidiare a quelle per i pazienti umani grazie ai seicentomila euro stanziati. Già attivato un sistema che consentirà l’archiviazione informatizzata delle cartelle cliniche.

 

Gianluca Rossellini, corrieredelmezzogiorno.corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.