Cruelty freeDalla loro parte

Ma cos’è questa FCOD policy e, soprattutto, perchè è ancora così importante?

La questione in realtà è piuttosto semplice ma il consumatore mediamente interessato alla cosmesi cruelty-free è ancora confuso, dunque parliamone! Prima di tutto però, bisogna fare un passo indietro con una breve premessa:

  • Tutti gli ingredienti di sintesi sul mercato oggi, sono stati testati su animali in passato, per legge.
  • Gli ingredienti 100% naturali (vegetali non trattati con processi chimici) non richiedono test su animali, per legge.
  • Il prodotto finito in Europa non lo testa nessuno perchè da anni c’è un divieto ufficiale.

Detto questo, a un certo punto della storia, è nato lo “Standard del non testato” riconosciuto a livello internazionale, che in pratica serve a non incrementare i test su animali per i singoli ingredienti. Come? Con la FCOD (Fixed Cut-Off Date) policy appunto! Ovviamente non si può modificare il passato e l’unica cosa possibile da fare è quella di non incentivare queste sperimentazioni in futuro. Di fatto tutte le aziende che hanno aderito allo Standard hanno una propria FCOD, cioè hanno preso il preciso impegno a non utilizzare nuovi ingredienti usciti sul mercato dopo la data scelta al momento della propria adesione.

Più è vecchia questa data e meglio è. Va da sè, come è altrettanto ovvio, che prodotti non sviluppati  con questo criterio non possono essere considerati cruelty-free. Che l’azienda in prima persona e anche i suoi fornitori non testino su animali non è rilevante dato che  gli ingredienti vengono comunque testati da qualcun’altro, ho reso l’idea?

Fonte

Vuoi dare il tuo contributo? Vota questo blog!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.