Archivio tag: tutela

[Newsletter LAV] Elezioni politiche e impegni in tema di animali.

io-non-posso-votare; fonte: http://www.manifestoantispecista.org/web/un-voto-per-gli-animali/Riporto in questo articolo l’analisi sugli impegni dei candidati in tema di animali condotta da Gianluca Felicetti, diffusa tramite il Comunicato stampa LAV dell’11 febbraio 2013. Ho evidenziato in grassetto le dichiarazioni  sui temi caldi, quali vivisezione e caccia. Nel nome di ogni partito c’è il link che rimanda al programma, mentre gli altri link presenti nel testo si riferiscono a dichiarazioni ufficiali. Il rosso è per chi non ha preso in considerazione gli animali nel proprio programma, oppure è favorevole a caccia e/o vivisezione. Il verde è per chi promette di impegnarsi in favore degli animali. I nomi metà rossi e metà verdi sono per chi ha dato informazioni contraddittorie

Continua a leggere

Eurobats: in oltre 30 paesi questa notte manifestazioni a favore dei pipistrelli.

In onore di uno dei mammiferi più perseguitati del pianeta sono stati indetti l’anno europeo e l’anno internazionale per aumentare la consapevolezza del prezioso ruolo che questo animale svolge nell’ambiente naturale e parallelamente sensibilizzare il pubblico in merito alla necessità della sua tutela.

Continua a leggere

[Discussione] Il 33% degli italiani favorevole ad abbattere i cani randagi. E tu?

Da Aidaa riceviamo e pubblichiamo:
Quanto meno clamoroso uno dei risultati che emergono dal sondaggio realizzato dal centro studi di AIDAA su un campione di 1064 italiani in relazione ai metodi di controllo del randagismo canino. Il 33% si dice favorevole ad abbattere o uccidere con l’eutanasia i cani randagi presenti nei canili, di questi il 13,8% precisa comunque di essere favorevole alla morte dei cani per eutanasia solo in caso di assoluta necessità. Il 63,8% degli italiani invece sono assolutamente contrari a qualsiasi forma di abbattimento dei cani come sistema del controllo del randagismo. Il sondaggio che si è svolto nel mese di luglio su un campione adulto di 1064 italiani scelti a caso secondo il sistema delle interviste telefoniche si è suddiviso in tre distinte domande. Continua a leggere

AIDAA – Nasce il movimento per la vita degli animali.

Da Aidaa riceviamo e pubblichiamo:
Nasce il movimento per la vita degli animali. Il Movimento – voluto dai vertici di AIDAA – avrà lo scopo di promuovere la cultura del diritto alla vita degli animali in Italia ed in Europa a partire dalla battaglia avviata dall’associazione animalista a livello europeo per chiedere la fine della pena di morte per i cani ed i gatti nei paesi della Comunità Europea e l’introduzione dell’obbligo della sterilizzazione come unico metodo di controllo del randagismo felino e canino in Europa.
Ovviamente non solo cani e gatti, ma anche superamento della vivisezione e della sperimentazione animale come pratica di ricerca e nuove regole per le
macellazioni ed ovviamente abolizione della caccia in tutta Europa questi sono i punti cardine del movimento che nasce per portare in Europa la cultura della vita e dei diritti degli animali a partire dal riconoscimento del fatto che gli animali sono esseri senzienti e non degli oggetti e come tali portatori di diritto.
Continua a leggere

Una campagna per la tutela degli animali.

Grosseto: Una campagna informativa per divulgare tra i cittadini grossetani la normativa regionale che detta regole ben precise in materia di tutela degli animali.
Un’iniziativa alla quale sta lavorando il Comune di Grosseto per scongiurare episodi incresciosi che purtroppo si registrano ai danni degli amici a 4 zampe.
“Prima ancora di reprimere, vogliamo mettere in atto azioni di sensibilizzazione e di informazione circa il comportamento da tenere per la custodia degli animali – dice l’assessore all’Ambiente Giancarlo Tei -; a questo proposito abbiamo già preso contatti con l’Asl di Grosseto per capire la giusta modalità e il messaggio da diffondere, in accordo con la Provincia, per la salvaguardia degli animali. E non sfuggirà la questione legata alla tenuta dei cani da caccia, soprattutto di quelli destinati alle battute al cinghiale che, per numero, hanno necessità di essere ricoverati in ambienti adeguati”.
Il punto di partenza della campagna informativa è l’articolo 5 della Legge regionale n. 59 del 20 ottobre 2009 che sottolinea come il responsabile di un animale abbia l’obbligo di garantire la salute e il benessere dello stesso, di provvedere alla sua sistemazione e di dedicare cure e attenzioni adeguate secondo le necessità.
“All’inizio di questo mese è stato pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione Toscana il regolamento attuativo in cui si individuano più esattamente i criteri e modalità di ricovero degli animali – conlude Tei – e alla luce dei fatti riportati nei giorni scorsi sulla stampa locale è nostra intenzione fare chiarezza su tutti questi aspetti e mettere i cittadini nelle condizioni di conoscere nei dettagli la normativa in modo da scongiurare altri episodi del genere”.

Fonte: maremmanews.tv

Vuoi dare il tuo contributo? Sono gli ultimi giorni per votare il blog! 

La tua associazione promuove un’iniziativa in favore degli animali? Nella tua città si sta migliorando la qualità di vita degli animali?  Manda il tuo articolo a vegamami@altervista.org, pubblicheremo il tuo articolo!