Mezze penne campagnole.

Vi propongo questa ricetta, tipica della Puglia, ricca di sapori e profumi della campagna. Semplice da preparare, è gustosa da mangiare. I veri protagonisti della ricetta sono i pomodori secchi, che essiccati al sole d’estate sono un ottimi da assaporare e inoltre aumentano notevolmente le proprietà nutrizionali, rispetto al pomodoro fresco.

Difficoltà: °

Ingredienti per 4 persone:

  • Mezzo chilo di mezze penne
  • 2 zucchine
  • 10 mandorle sgusciate
  • 150 g di pomodori secchi
  • 1 spicchio d’aglio
  • Olio, sale, prezzemolo
  • Pan grattato

Preparazione

Tagliamo a mezze lunette le zucchine, le mettiamo a soffriggere in una padella con uno spicchio d’aglio, e le facciamo rosolare per una decina di minuti a fuoco alto, aggiungendo un pizzico di sale, prezzemolo tritato, le mandorle sbriciolate e i pomodori secchi quasi a fine cottura.

Nel frattempo in una pentola mettiamo a bollire l’ acqua, la saliamo, e dopo di che buttiamo le mezze penne. Quando la pasta è cotta, scoliamola e saltiamola in padella, aggiungendo una spolverata di pan grattato.

Gallery fotografica del piatto:

Il piatto è pronto in tavola, ma prima vi cito le parole di Vittorio Bodini, noto poeta pugliese, che ai pomodori secchi ha dedicato una eccezionale poesia, che con l’immaginazione mi porta nelle calde e arse terre di Puglia.

I pomodori secchi

I pomodori secchi

attaccati a uno spago

e le donne dai cuori di cicoria.

I pomodori secchi e i datteri gialli,

e le donne che colgono le olive

fra gli olivastri, con la bocca viola;

tutto è univoco e perso a furia d’esistere.

Dove hai nascosto, cielo, l’altra ipotesi?

Quale parte è la nostra?

Non saremo null’altro

che rozzi testimoni di questo esistere?

 (da Inediti 1954/1961 di Vittorio Bodini, poeta pugliese).


© RIPRODUZIONE INTEGRALE O PARZIALE VIETATA SENZA LINK ALLA FONTE: http://www.vegamami.it/

Ti piace il blog? Seguici! ;-)

antonella tomassini

antonella tomassini

sono vegan e son contenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.