Vegan: teniamo d’occhio il vino!

Spesso, quando si è a tavola con amici e parenti, per accompagnare un buon pranzo o una cena si usa bere il vino.

Quando meno ce l’aspettiamo compaiono le brutte sorprese, se siamo vegan: non sono soltanto rischiosi miscugli di cibi di cui non conosciamo gli ingredienti (dubbiosi, facciamo bene a chiedere informazioni di come siano fatti), ma finiamo anche col brindare con un bel calice di vino e scoprire che il vino appena bevuto contiene albumina (poiché non tutti sanno che spesso nella preparazione del vino sono utilizzati additivi a base di proteine animali, come: caseina, albume, colla di pesce, gelatine ottenute dalle ossa degli animali e dalla pelle del maiale).

Ciò oltre a rovinarci il pranzo o la cena, potrebbe anche toccare la nostra sensibilità visto che per scelta etica, abbiamo eliminato tutto ciò che utilizza e sfrutta gli animali.

Al posto di questi chiarificanti si potrebbero usare sostanze vegetali, quali il carbone vegetale o l’argilla, ma molti produttori preferiscono usare additivi di origine animale.

Sarebbe bello poter bere il vino semplice e genuino dei contadini, che anni e anni fa producevano il vino in piccole quantità da vendere, quello che conteneva l’uva e nient’altro, ma oggi stiamo pur certi che quasi tutte le bottiglie di vino che compriamo al supermercato, nascondono parecchi segreti, e addirittura anche qualche vino che si definisce biologico usa prodotti di origine animale per il processo di chiarificazione.

Da notare che sulle etichette delle nostre amate bottiglie di vino, non ci sono scritti gli ingredienti e, soprattutto, gli additivi che secondo “la legge” non è necessario che vengano riportati, quindi la nostra scelta etica di non uccidere animali, deve portarci a capire come riconoscere un vino vegan.

Cosa fare allora?

O rinunciamo al vino industriale, a quello che ci teneva compagnia durante le cene a casa di amici, o spulciamo bene su internet quali vini sono adatti ai vegani, affidandoci ad aziende serie, che producono esclusivamente vini senza l’utilizzo di sostanze organiche.

Io mi affido a due aziende agricole che ho conosciuto tramite internet, ma ce ne sono diverse che fanno vini vegan:

Ricordiamoci che anche birre e superalcolici possono contenere sostanze di origine animale. Ecco qui il link delle birre vegan.

Per me brindare vuol dire allegria, perché so cosa bevo. Fatelo anche voi.


© RIPRODUZIONE INTEGRALE O PARZIALE VIETATA SENZA LINK ALLA FONTE: http://www.vegamami.it/

Ti piace il blog? Seguici! ;-)

antonella tomassini

antonella tomassini

sono vegan e son contenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.