Sesto rapporto europeo sulla vivisezione: quasi 12 milioni gli animali rinchiusi nei laboratori.

La Commissione Europea ha pubblicato il sesto rapporto “2008″ sui dati statistici relativi al numero di animali utilizzati a fini sperimentali. Ne sono stati calcolati quasi 12 milioni….

Dodici milioni di cavie da laboratorio… una enorme, intera metropoli rinchiusa in gabbia per subire ogni genere di tortura. Fra questi: 21.000 cani, 330.000 conigli e oltre 9.000 scimmie – il 56% delle quali catturate in giovanissima età allo stato selvatico, spesso alle Mauritius, distruggendo per lo scopo interi nuclei familiari al prezzo di 2.600 sterline. Orrore allo stato puro, insomma, che fa levare un urlo di vergogna. Eppure il dato è solo parziale: secondo la Direttiva europea 86/609 – nella sua formulazione precedente il testo revisionato l’8 settembre scorso – infatti, solo gli animali vertebrati adulti possono rientrare nel triste computo. Invertebrati e bestiole già soppresse non vengono considerate pertanto utili ai fini della “statistica”.

Dei 27 Paesi europei, i peggiori sono, nell’ordine, la Francia, il Regno Unito, la Germania, la Spagna e l’Italia. Inoltre i primi quattro, unitamente all’Austria, hanno utilizzato il 50% di cavie in più rispetto al precedente rapporto pubblicato nel 2005. Riferisce Michela Kuan, la biologa responsabile del settore vivisezione presso la LAV:

L’Unione Europea continua a ritardare l’incentivazione al ricorso a metodi che non facciano uso di animali. Sarà fondamentale che nell’iter di recepimento nazionale della Direttiva, Governo e Parlamento inseriscano disposizioni per favorire lo sviluppo concreto di tali metodi e limitino, nei fatti, il ricorso agli animali, nell’ottica di un futuro basato su una ricerca etica e scientificamente rigorosa libera dal vincolo obsoleto del modello animale.

Fonte

Ti piace il blog? Seguici! ;-)

LadyCat

LadyCat

Amministratrice di VegAmami! Vegetariana dal 2002, volontaria in canili e CRAS per tanti anni, mamma, moglie, maestra, innamorata degli animali selvatici e della vita di campagna.

10 commenti su “Sesto rapporto europeo sulla vivisezione: quasi 12 milioni gli animali rinchiusi nei laboratori.

  • 7 Novembre 2010 alle 15:40
    Permalink

    il fatto che della povere creature prese per essere delle cavie , sottratte alla natura alla loro vita ai loro habitat è una cosa che non si può assolutamente tollerare io non riesco a concepire che ancora tutt’0ggi si permetta situazioni del genere povere creature uccise e seviziate magari per testare cosmetici, pronti a soddisfare le esigenze di ragazze viziate.non è giusto che per mano nostra questi poveri animali devono nascere crescere in gabbie e morire dopo le sevizie procurate da noi sono senza parole……………………….

    RispondiRispondi
  • 8 Novembre 2010 alle 18:09
    Permalink

    COME AMO DIRE SEMPRE NON C’E’ BISOGNO DI ESSERE ANIMALISTI PER ODIARE QUESTA FALSA SCIENZA CHE SI DIVERTE A TORTURARE CREATURE INNOCENTI,BASTA AVERE UN POCO DI CERVELLO E CUORE!!FINCHE’ VIVRO’LOTTERO’ PERCHE’ FINISCA QUESTO SCEMPIO!

    RispondiRispondi
  • 9 Novembre 2010 alle 16:47
    Permalink

    L’ UNICA RISPOSTA E LA NOSTRA OPPOSIZIONE PACIFICA ,MA CONTINUA ! SE VI VIVISEZIONASSERO UN FIGLIO ANDRESTE A PROTESTARE ? IO CREDO DI SI ! BENE ANDIAMO A CERCARE IL FIGLIO IN QUESTO CASO UN FIGLIO DELLA NATURA , ANCORA PIU PREZIOSO , PERCHE IN VIA D’ ESTINZIONE PER COLPA DI QUESTI DELINQUENTI !

    RispondiRispondi
  • 9 Novembre 2010 alle 18:59
    Permalink

    lasciate vivere in pace le povere creature indifese….

    RispondiRispondi
  • 9 Novembre 2010 alle 19:00
    Permalink

    lasciate vivere in pace ,povere creture indifese…

    RispondiRispondi
  • 9 Novembre 2010 alle 19:05
    Permalink

    Ci sono altri metodi per fare gli esperimenti…non per forza occorre usare delle anime innocenti, torturarle senza pietà!!! Dio non li ha creati per vederli soffrire in questa maniera….loro che chiedono solo amore, vengono rinchiusi in gabbia e fatti oggetto di svariati martirii!!! Che vergogna!!!!!

    RispondiRispondi
  • 9 Novembre 2010 alle 20:22
    Permalink

    so solo che un giorno… credo non molto lontano visto ciò che facciamo alle più piccole ed indifese creature, Nostro Signore porrà fine a questa squallida esistenza… Non siamo degni di definirci suoi figli…. di Lui che è l’amore incondizionato e che si rispecchia sempre più negli occhi di chi soffre! Come può l’Amore Incondizionato vedere, sopportare ed accettare tutto ciò? Sono sempre più convinta che tra le creature che Nostro Signore ha creato, l’essere umano è quello più crudele… capace di infliggere inutili sofferenze alle più pure ed indifese tra le creature… tra queste persino ai suoi cuccioli di uomo!

    RispondiRispondi
  • 9 Novembre 2010 alle 21:32
    Permalink

    Ma se un giorno iniziassero a usare noi come cavie…?!chissà se lotterebbero anche per salvare noi…ho i miei seri dubbi…so solo che le chiamano bestie ma forse queste persone non si sono mai viste allo specchio..perché le bestie sono loro!!!e non dico altro perché potrei essere troppo cattiva…tutta colpa del governo..dovrebbero usare loro come cavie!

    RispondiRispondi
  • 10 Novembre 2010 alle 01:12
    Permalink

    Dobbiamo salvarli…… tutti!!!!!

    RispondiRispondi
  • 10 Novembre 2010 alle 01:37
    Permalink

    MALEDETTI BASTARDI.
    Quella che parla di misericordia divina mi fa sorridere e lo dico senza offesa da ex credente che usava gli stessi eufemismi.
    Ne ho le balle piene di illusi e buonisti, bla bla bla.
    Qui ci vuole fegato e gente che schiodi il sedere dalla sedia perché le chiacchiere e le manifestazioni pacifiche non vincono le guerre.
    E QUESTA È UNA GUERRA CHE VA AVANTI DA DECENNI.
    E ce ne vorranno molti altri e molti milioni di vittime se non si agisce.
    Qui ci vuole AZIONE. LIBERAZIONE, INFORMAZIONE OBBLIGATORIA.
    In altre parole GUERRA. Vera guerra con tutti i rischi del caso.
    Finchè ci saranno parole il sangue scorrerà a fiumi dannati ipocriti.
    Dove sono i cantori di Alf ? Quelli veri !
    Io sono pronta da sempre.

    RispondiRispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.