I bambini che vivono con animali si ammalano meno!

Il contatto con il cane nel primo anno di vita induce una maggiore resistenza alle malattie respiratorie nell’infanzia, secondo uno studio pubblicato su Pediatrics.

Di Maria Grazia Monzeglio.

I bambini in stretto contatto con cani e gatti durante i primi 12 mesi di vita possono avere una salute migliore e una minore probabilità di sviluppare infezioni respiratorie, rispetto ai bambini che non hanno animali da compagnia in casa o non hanno contatti stretti con questi animali. Lo indica uno studio pubblicato su Pediatrics.

Lo studio ha analizzato l’eventuale effetto del contatto con cani e gatti sui sintomi respiratori tra i bambini durante il primo anno di vita, considerando 397 bambini dalla gravidanza fino ai 12 mesi di età e monitorando quanti contatti con cani e/o gatti avessero durante questo periodo.

Gli autori hanno riscontrato che, benché le infezioni e i sintomi respiratori fossero comuni durante il primo anno di vita, i bambini che avevano contatti con i cani precocemente avevano meno sintomi di infezioni respiratorie, soffrivano meno spesso di malattie respiratorie e necessitavano di terapie antibiotiche più brevi quando ammalati, rispetto ad altri bambini della stessa età non esposti ai cani. Anche la frequenza di infezioni auricolari era considerevolmente inferiore tra i bambini che avevano precoci e regolari contatti con i cani.

Gli autori hanno confrontato i bambini che possedevano un cane e che spendevano il loro tempo temporaneamente o spesso in casa, con quelli che avevano solo un gatto e quelli che non avevano pet. Si è riscontrato che i bambini con un cane in casa avevano un minor rischio infettivo in generale così come di infezioni respiratorie. I bambini che non avevano pet in casa avevano il maggior rischio infettivo.

Il contatto settimanale e annuale con i cani era strettamente correlato alla sensibilità complessiva alle malattie (maggiore il contatto, minore la morbilità).

Gli autori ipotizzano che il contatto precoce con gli animali abbia un impatto sulla maturazione del sistema immunitario dei bambini, risultando in infezioni di più breve durata e una migliore resistenza alle infezioni respiratorie. Il contatto con i cani può avere un effetto protettivo sulle infezioni respiratorie nel primo anno di vita e i risultati supportano la teoria che in questa fase della vita i contatti con gli animali siano importanti, verosimilmente inducendo una migliore resistenza alle malattie respiratorie infettive durante l’infanzia.

Fonte: vetjournal.it – Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD, [email protected]

Ti piace il blog? Seguici! ;-)

LadyCat

LadyCat

Amministratrice di VegAmami! Vegetariana dal 2002, volontaria in canili e CRAS per tanti anni, mamma, moglie, maestra, innamorata degli animali selvatici e della vita di campagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.