[Discussione] Il F.L.A. libera con un blitz 500 visoni. Cosa ne pensi?

Visoni in fuga da un allevamento di Borgoforte. I sospetti si concentrano su un gruppo di attivisti del Fronte Liberazione Animali, in passato autore di gesti analoghi. Molti dei 500 animali liberati sono morti schiacciati dalle auto.

di Rossella Canadè
BORGOFORTE. La carica dei visoni è partita prima di mezzanotte. Aperte le gabbie, cesoie e tenaglie per tagliare la recinzione dell’allevamento mantovano e gli animali si sono dispersi per la campagna. Il Fla, fronte di liberazione animale, è tornato a colpire l’allevamento di Ivano e Antonella Antoniazzi a San Cataldo. Più di 500 i visoni che sono stati liberati dal commando.

Per tutta la giornata di ieri i titolari, aiutati dalle guardie provinciali e da alcuni volontari arrivati da tutto il paese, hanno cercato di catturare gli animali da pelliccia in fuga, nei fossi, nella campagna, sotto le auto, al vicino cimitero.

Qualche visone è stato trovato morto, schiacciato dalle automobili e altri già divorati dai loro simili. Al freddo, senza cibo, quelli che sono riusciti a sfuggire alla cattura, abituati in cattività, non avranno una vita lunga. Prima, però, c’è da immaginare che faranno stragi di galline e polli in tutta la zona. Invece di passare dal macello, per diventare costose pellicce ormai fuorimoda per signore un po’ agè, moriranno in strada.

«È un gesto sconsiderato, da veri criminali. Queste non sono persone che amano gli animali – sbotta Antonella Antoniazzi – noi non facciamo niente di illegale, è un allevamento per il commercio. Credono di averli salvati e invece li hanno condannati. I visoni moriranno comunque».

Davanti alle gabbie stavolta non sono stati lasciati cartelli di rivendicazione, ma i carabinieri e gli agenti della Digos, che sono intervenuti in via Colombarole, non hanno dubbi. Il gesto è da attribuire ancora al Fla, il gruppo da anni impegnato per la liberazione degli animali da pelliccia, che ha già preso di mira altre volte l’allevamento di San Cataldo. Il commando ha agito nella serata di lunedì, probabilmente verso le 9 e mezzo.

Intorno a quell’ora, infatti, un ragazzo che abita vicino all’allevamento ha sentito le oche che starnazzavano, molto agitate. La proprietaria è partita per Mantova verso le undici, ma non si è accorta di nulla. Impossibile non accorgersene, invece, ieri mattina: i visoni scorrazzavano per i campi e i fossi intorno a San Cataldo.

Subito è scattata la caccia per recuperarli, con gabbie e retini, che è continuata per tutta la giornata. Alcuni animali erano rimasti intrappolati nei fossati che costeggiano strada Colombarola. Quelli che riusciranno ad evitare la cattura potrebbero formare delle colonie.

Ti piace il blog? Seguici! ;-)

LadyCat

LadyCat

Amministratrice di VegAmami! Vegetariana dal 2002, volontaria in canili e CRAS per tanti anni, mamma, moglie, maestra, innamorata degli animali selvatici e della vita di campagna.

8 commenti su “[Discussione] Il F.L.A. libera con un blitz 500 visoni. Cosa ne pensi?

  • 18 Novembre 2010 alle 14:00
    Permalink

    Simpatizzo per azioni di questo genere. E’ vero che, come dice la proprietaria di questo allevamento, la maggior parte dei visoni morirà comunque in altro modo, ma concettualmente preferisco si muoia di libertà che per finire attaccati ad un cappotto.

    Aggiungo: non fanno niente di illegale questi signori allevatori, è questo il vero problema.

    RispondiRispondi
  • 18 Novembre 2010 alle 14:16
    Permalink

    sono morti comunque “è questa la vera tragedia”……in gabbia, scuoiati vivi, o morire perchè liberati……..MA SE FINALMENTE LA SMETTESSIMO DI ALLEVARLI??? la loro colpa è di avere un bellissimo pelo!!!!!!
    RENDIAMO ILLEGALI LA PRODUZIONE DI PELLICCE PUNIAMO CHI LE PRODUCE E CHI LE INDOSSA. SAREBBE UN GRANDISSIMO SEGNO DI CIVILTA’. NOI UMANI SIAMO DEGL’ESSERI IGNOBILI

    RispondiRispondi
  • 18 Novembre 2010 alle 15:50
    Permalink

    da una parte sono contentissima e spero che chiudano bottega. Dall’altra però ho un pò l’amaro in bocca perchè invece che farli morire di fame perchè non riescono a procurarsi il cibo da soli, vorrei che fossero veramente aiutati a tornare in libertà…

    RispondiRispondi
  • 19 Novembre 2010 alle 12:01
    Permalink

    Il fatto che non facciate niente di illegale, non vuol dire che uccidere animali per fare pellicce sia giusto…
    Si, è vero che moriranno lo stesso… Ma qualcuno si salverà, e comunque, almeno hanno avuto una possibilità!!!

    Che dentro le vostre gabbia sicuramente non avrebbero avuto!!

    RispondiRispondi
  • 19 Novembre 2010 alle 23:10
    Permalink

    Sono contentissimo che quelli della ALF li abbiano liberati, se sono morti alcuni mi dispiace, ma almeno hanno assaggiato la libertà, cosa che gli viene negata e peggio, poi vengono scuoiati. Mi dispiace moltissimo per quelli che sono stati ripresi, il loro shock deve essere qualcosa di inimmaginabile. Allevarli per uno scopo futile come farsi una pelliccia è vergognoso, meschino e disumano. Anche per una sola vita vale la pena di lottare.

    RispondiRispondi
  • 20 Novembre 2010 alle 06:53
    Permalink

    sono simpatizzante dell’ALF e ovviamente anche di queste azioni. ha poco da dire la signora antoniazzi: è vero che dovevano morire comunque, ma certo è stato molto meglio e quasi più dignitoso che morire squartati per una moda che va bene solo per persone invidiose, gelose dei doni che madre natura ha fatto ad altri esseri viventi. la signora antoniazzi e chi lavora per lei, sono solo assassini.

    RispondiRispondi
  • 21 Novembre 2010 alle 20:07
    Permalink

    non fanno niente di illegale.. voglio vedere se fossimo noi usati come pellicce si vergognasse…. meglio un ora di liberta che chiusi e scuoiati… le pellicce andrebbero proibite

    RispondiRispondi
  • 8 Dicembre 2011 alle 19:09
    Permalink

    @E.:

    RispondiRispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.