Dati relativi alle malattie poste in relazione con i piccioni.

Il dipartimento della salute e d’igiene mentale della città di New York ha pubblicato questo foglio informativo per dare una risposta alle preoccupazioni e alle domande concernenti le malattie poste in relazione con i piccioni.

I piccioni sono comuni nella città di New York, nidificano frequentemente negli edifici e si riproducono rapidamente.  La riproduzione avviene durante tutto il corso dell’anno, in particolare tra marzo e luglio. In questo periodo il dipartimento della salute riceve numerose richieste di chiarimento riguardanti i possibili rischi legati alla rimozione degli escrementi di piccione. Entrare in contatto col guano di piccione può rappresentare un minimo rischio per la salute. In particolare tre malattie sono associate al guano di piccione: l’istoplasmosi, la criptococcosi e la psittacosi.

L’istoplasmosi è causata da un fungo presente nel guano di piccione. Esso si sviluppa anche nel suolo, in tutto il mondo. Rimuovendo gli escrementi è possibile inalare questo agente patogeno, che in alta concentrazione può provocare la malattia. Comuni attività di pulizia delle finestre non costituiscono un pericolo. I sintomi della malattia si manifestano dopo un periodo d’incubazione di circa dieci giorni con spossatezza, febbre e dolori allo sterno. Nella maggioranza dei casi la malattia ha un decorso asintomatico. Le persone con grave immunodeficienza (sieropositività, AIDS, cancro) sono maggiormente a rischio di contrarre l’istoplasmosi. La malattia non è trasmissibile da persona a persona.

La criptococcosi è causata anch’essa da un fungo, presente nel suolo di tutto il mondo. Per le persone sane è molto difficile contrarre la malattia, anche a livelli alti di esposizione. Avere il sistema immunitario debilitato accresce il rischio di ammalarsi di criptococcosi. Secondo i dati del Centro per il Controllo delle Malattie degli Stati Uniti (US Centers for Disease Control – CDC) circa l’85% delle persone che contraggono la criptococcosi, è sieropositivo.

La psittacosi è una malattia molto rara, che colpisce prevalentemente i pappagalli e le specie a loro affini, come parrocchetti, cocorite e cacatua, ma che può colpire anche altri volatili, come i piccioni. Quando il guano si secca, le particelle possono essere trasportate nell’aria e inalate. Negli esseri umani questa malattia di origine batterica si presenta con spossatezza, febbre, mal di testa, esantema, brividi e a volte polmonite. I sintomi si presentano in genere una decina di giorni dopo l’esposizione. La psittacosi è curabile con i comuni antibiotici.

Dal 1996 il numero ufficiale dei casi di psittacosi negli Stati Uniti ammonta a meno di 50 l’anno. Nella città di New York la psittacosi negli umani è molto rara, non  raggiungendo il numero di un caso l’anno. Secondo il CDC il contagio nel 70% dei casi avviene per diretto contatto con un uccello domestico ammalato. Le categorie più a rischio sono i proprietari di uccelli domestici, chi lavora nei negozi di animali, veterinari e persone col sistema immunitario debilitato. Non sono mai stati documentati casi di trasmissione da persona a persona.

 

Prevenzione delle malattie

Le usuali operazioni di pulizia degli escrementi di piccione, come la loro rimozione dalle finestre e dai davanzali non presentano particolari rischi per la salute della maggioranza della popolazione. È possibile osservare alcune semplici precauzioni per ridurre il contatto diretto con gli escrementi, come l’uso di guanti di lattice e indossare vestiario che si possa lavare facilmente.

Fonte: ncy.gov

Adattato e tradotto da Sunny Sunshine


© RIPRODUZIONE INTEGRALE O PARZIALE VIETATA SENZA LINK ALLA FONTE: http://www.vegamami.it/

Ti piace il blog? Seguici! ;-)

Sunny Sunshine

Sunny Sunshine

Mi presento brevemente. Sono la prova vivente che non è mai troppo tardi per cambiare le proprie abitudini alimentari di una vita e diventare veg(etari)ani anche a quasi sessantanni. Sono un cervello in fuga dall'Italia (un tempo ci chiamavano emigranti) e vivo da oltre vent'anni in Germania. Sono laureata in pedagogia sociale e lavoro da 35 anni in vari settori: insegnante, sociopedagogista, attrice e cantante, interprete e ora da sette anni lavoro come pedagogista teatrale con un metodo da me brevettato in molte istituzioni, prevalentemente scuole, ma anche carceri e centri diurni per malati di alzheimer. Gli ultimi 15 anni ho lavorato prevalentemente con immigrati e rifugiati da tutti gli angoli del mondo. Tutta la vita ho lottato per giustizia sociale, antirazzismo e solidarietà. In queste tre cose ci credo ancora e, grazie a questo blog, ci aggiungo pure antispecismo e rispetto per la natura. Ho due figli meravigliosi, che ho cresciuto da sola e una pelosa trovatella spagnola. Parlo e scrivo molte lingue, per questo mi troverete quasi sempre in funzione di traduttrice su questo blog. Un saluto da Daniela

One thought on “Dati relativi alle malattie poste in relazione con i piccioni.

  • 6 settembre 2017 at 01:00
    Permalink

    Buonasera, questa sera ho pulito il balcone di casa dal guano.

    L’ho presa un po’ alla leggera. Ero senza maglia, pantaloncini e ciabatte.

    Non vorrei che mi venisse qualcosa…

    RispondiRispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.