I loghi della vivisezione: se li conosci li eviti.

Elenco dei marchi principali che finanziano o praticano vivisezione su animali.

ATTENZIONE:
Per legge si può mettere “il coniglietto” se il prodotto finito non viene testato o se la ditta non commissiona test.
Nel caso LeCHAT (che mi è stata segnalata portante il logo del coniglietto) la scritta cruelty free non vuol dire assolutamente nulla in quanto LeCHAT non afferma di non utilizzare ingredianti cruety free.

I prodotti Monge sono certificati ISO 9000 e stanno valutando la possibilità di certificarsi con ICEA.

Quando compriamo cibi VERAMENTE cruelty free dovremmo essere sicuri che:
1. il pollo che mangia il tuo gatto sia stato cresciuto con alimentazione e metodo biologico;
2. questo pollo sia stato trasportato e ucciso con metodi poco dolorosi
3. l’azienda che produce il pollo non sostenga in alcun modo altre aziende (finanziamenti o società) che sostengono la vivisezione
4. l’azienda che produce il pollo NON effettui test su animali.
Una volta che questi parametri sono stati soddisfatti, solo allora si può dire che un cibo sia cruelty free, quindi fate molta attenzione.
Il logo è un buon inizio ma spesso non vuol dire TUTTO!
A volte viene apposto il logo seppur i singoli ingredienti siano stati testati su animali.
Internet dà tutte le notizie del caso. Informatevi sui prodotti che usate.
Questo vuol essere uno spunto.
È chiaro una garanzia totale al 100% è difficile da avere ma si può cominciare con l’escludere quello che al 100% sappiamo essere dannoso.



Cosa comprare, allora? Clicca qui per leggere l’elenco delle marche cruelty free.

Non farti prender dall’ansia del “non posso più comprare niente”: vedrai che i prodotti cruelty free sono molti e in aumento. Cerca di preferire sempre quelli durante la spesa. In più, cerca di informare quante più persone possibili: una volta informati…non si può più dire “non lo sapevo”.

Ti piace il blog? Seguici! ;-)

LadyCat

LadyCat

Amministratrice di VegAmami! Vegetariana dal 2002, volontaria in canili e CRAS per tanti anni, mamma, moglie, maestra, innamorata degli animali selvatici e della vita di campagna.

2 commenti su “I loghi della vivisezione: se li conosci li eviti.

  • 22 settembre 2010 alle 22:32
    Permalink

    -.- io ucciderei tutti quei bastardi che hanno approvato la vivisezione …. la proverei su loro cosi se muoiono chissenefrega ,anzi meglio cosi imparano a non fare delle enormi cazzate come la vivisezione che poi tanto cazzata non è…è una cosa orrenda poveri piccoli animali 🙁

    RispondiRispondi
  • 3 ottobre 2010 alle 23:51
    Permalink

    MI DOMANDO MA I MIDIA NN GUARDANO I VIDEO DOVE SI VEDONO CANI PICCHIATI X RENDERLI NERVOSI E PROVARE POI A DARE FARMACI CONTRO L EPILESSIA,OPPURE ESPERIMENTI INUTILI DI DETERSIVI O COSMETICI?QUESTI GOVERNANTI CHA CACCHIO FANNO?!NN VEDONO COME SOFFRONO QUESTI ANIMALI QUANDO NN SERVE IN ASSOLUTO CHE VENGANO ADOPERATI I POVERI ANIMALI?E CHI SOSTIENE QUESTE CRUDELTA E CI LAVORA MI DOMANDO,MA QUANDO VANNO A CASA E HANNO FIGLI O NIPOTI…COME CACCHIO FANNO A VIVERE AVENDO LE URLA O QUEI OCCHI PIENI DI PAURA E SOFFERENZA….IO, VI MALEDICO GIURO CHE LA MIA MALEDIZIONE HA EFFETTO.SIETE PEGGIO DEI SATANISTI CHE USANO SACRIFICI ANIMALI X FARE RITI E VOI,SIETE UGUALI.Xè NN AVETE CUORE,SIETE DEMONIACI CHI SOSTIENE E CHI POI APPLICA QUESTE COSE.MALEDETTI.

    RispondiRispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.