Cura delle unghie del cane e del gatto.

Le unghie del cane, se non consumate a sufficienza con l’esercizio fisico, vanno tagliate per evitare che possano provocare problemi di deambulazione e lesioni agli arti.
Le unghie dei gatti possono essere tagliate per ridurre lo stimolo a graffiare e ad affilarsele su mobili e divani.

Le unghie del cane
Le unghie del cane si usurano a contatto con il suolo quando l’animale compie un adeguato esercizio fisico e cammina su terreni duri e non cedevoli; la vita “da salotto” non consente, perciò, una adeguata usura, causando un’eccessiva crescita e la deformazione dell’unghia che si piega su se stessa penetrando il polpastrello e causando tanto dolore, quanto alterazione della deambulazione.
Per evitare che ciò avvenga, in caso di un consumo non consono, è necessario tagliarle.
Per stabilire se è necessario accorciarle basta osservare se, con l’animale in stazione quadrupedale, le unghie toccano o meno il pavimento: se lo toccano devono essere tagliate.
Per effettuare il taglio è necessario munirsi di un’apposita tronchesina ben affilata perchè, soprattutto nei cani di grossa taglia, l’unghia si presenta piuttosto resistente.

Come effettuare il taglio
L’unghia è una formazione cornea a forma di cono, al cui interno si trova una parte carnosa (polpa dell’unghia) ricca di vasi e nervi; la polpa non raggiunge l’estremità libera (cioè la punta) dell’unghia, ma termina qualche millimetro prima.
Durante il taglio bisogna prestare attenzione ad asportare solo la parte in eccesso, senza intaccare la polpa; questa operazione risulta facile se l’animale ha le unghie bianche perchè la parte viva è riconoscibile dalla colorazione rosata, mentre risulta un po’ più difficile in quelli che hanno le unghie scure.
Per individuare il punto in cui tagliare bisogna sapere che la lunghezza di un’unghia normale non sorpassa il piano tangente alla superficie di appoggio del polpastrello (cioè alla parte di polpastrello in appoggio sul suolo).
Prima di procedere al taglio assicurarsi che ci sia un’illuminazione sufficiente; farsi aiutare per immobilizzare il muso dell’animale per evitare morsicature.
Nel caso in cui, durante il taglio, venga intaccata la parte viva dell’unghia, l’animale accuserà dolore e dalla ferita gocciolerà una quantità di sangue non trascurabile; è possibile cauterizzare la ferita usando, ad esempio una matita caustica (nitrato d’argento, in vendita in farmacia) o cospargendo con cicatrene in polvere.
Si consiglia di tagliare le unghie del cane ogni 4 settimane a seconda del grado di usura.

Le unghie del gatto
Il gatto, per sua natura, è portato a “farsi le unghie”; con questo comportamento l’animale segna il territorio non solo lasciando una traccia visibile, ma anche una traccia odorosa, che viene rilasciata da alcune ghiandole che sono presenti tra i cuscinetti carnosi presenti sotto le zampe.
Il “farsi le unghie” è poi, ovviamente, un modo per rinnovare lo strato corneo degli artigli, eliminando quello vecchio, e per irrobustire i muscoli degli arti.
Per ovviare al problema dei mobili e delle poltrone/divani rovinati dal passaggio del nostro amico a 4 zampe, basta mettergli a disposizione un tiragraffi; questo, però, non deve essere messo in un punto qualsiasi della casa, ma in un punto ben visibile, “di passaggio”, dove sia visibile a tutti, perchè il gatto ama far vedere la sua firma.

Come effettuare il taglio
Tagliando le unghie al gatto si riduce la sua voglia di distruggere tutto quello che gli capita a tiro.
Il problema inizia quando si deve convincere l’animale a farsele tagliare; per ovviare alla probabile opposizione del nostro amico felino possiamo manipolarlo quando è rilassato o addormentato.
Possono essere usati sia gli appositi tagliaunghie acquistabili nei negozi per animali, sia i normali tagliaunghie per umani.
Per tagliare l’unghia bisogna premere delicatamente sul polpastrello fino ad esteriorizzarla; l’unghia si presenta trasparente, con ben evidente al centro il vaso sanguigno.
Il taglio deve asportare solo la punta dell’unghia senza andare a toccare il vaso (operazione semplice rispetto ai cani che presentano unghie scure nelle quali ne è impossibile la visualizzazione).
Si consiglia di effettuare il taglio ogni 2-4 settimane a seconda del grado di usura e della disponibilità/uso del tiragraffi.


© RIPRODUZIONE INTEGRALE O PARZIALE VIETATA SENZA LINK ALLA FONTE: http://www.vegamami.it/

Ti piace il blog? Seguici! ;-)

LadyCat

LadyCat

Amministratrice di VegAmami! Vegetariana dal 2002, volontaria in canili e CRAS per tanti anni, mamma, moglie, maestra, innamorata degli animali selvatici e della vita di campagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.