Archivio della categoria: Pronto soccorso e urgenze

Consigli pratici per far fronte alle situazioni di emergenza più comuni.

Salviamo il cane dalla polpetta avvelenata nei boschi!

Ecco un articolo che spiega come riconoscere l’avvelenamento e come agire in quel momento di urgenza.

di Oscar Grazioli

Purtroppo, in questo campo, devo considerarmi un vero e proprio esperto e non ho nessuna voglia di “imbrodarmi” e di millantare credito, però se il famoso network britannico Channel4 mi ha chiamato qualche anno fa, per un’intervista sul tema è evidente che la mia esperienza non è passata inosservata. Ho scritto quel “purtroppo” perché l’argomento in cui sono particolarmente esperto è attinente alla diagnosi e terapia degli avvelenamenti dolosi nel cane (nel gatto sono molto rari). Quello delle “polpette avvelenate” è un primato di cui il nostro paese dovrebbe vergognarsi, ma sono tante ormai le cose per cui la nostra straziata nazione dovrebbe vergognarsi, Continua a leggere

[Cosa fare] Maltrattamenti di animali: guida pratica e semplice.

Il maltrattamento di animali, in diritto penale, è il reato previsto dall’art. 544-ter del Codice Penale ai sensi del quale:

  1. Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da 3 mesi a 1 anno o con la multa da 3.000 a 15.000 euro.
  2. La stessa pena si applica a chiunque somministra agli animali sostanze stupefacenti o vietate ovvero li sottopone a trattamenti che procurano un danno alla salute degli stessi.
  3. La pena è aumentata della metà se dai fatti cui al primo comma deriva la morte dell’animale.

Continua a leggere

Il coniglio sta male! Che fare?

Dovreste GIA’ avere trovato un vet di fiducia: chiedetegli/le se ha un numero per le chiamate di emergenza e tenetelo a portata di sguardo vicino al telefono: è complicato cercare un numero fra mille altri (o, peggio, sulle Pagine Gialle) quando si è terrorizzati per il proprio amico!
Questi che seguono sono solo *consigli* tratti sia dalle esperienze pratiche dei miei umani e dei loro amici per tamponare le emergenze, sia dalle chiacchierate con i vet: ma non sono indicazioni professionali e non vogliono esserlo: se avete dei problemi, mi raccomando, …

…CHIAMATE SUBITO IL VOSTRO VET!


  • Problemi respiratori
    Sintomi: respirazione faticosa, spesso a bocca aperta, lingua cianotica, abnorme dilatazione dell’addome e del petto durante l’inspirazione, riluttanza a cambiare posizione o a sdraiarsi. Siate certi che il vostro coniglio abbia il naso libero, altrimenti cercate di pulirglielo con un fazzolettino leggermente inumidito. Fate piano, per favore, con MOLTA delicatezza, è una delle nostre parti più sensibili! Una volta pulito, Continua a leggere

Anche i cani possono scottarsi! Come affrontare il caldo con Fido & Co.

MILANO – Mare, montagna, campagna. Chi va in vacanza con il proprio cane (e sempre più numerosi sono coloro che lo fanno) deve avere ben chiara la destinazione dove recarsi con l’amico a quattro zampe. Felice di fare tutto ciò che fa il padrone, senza tener conto dei rischi per la salute. Non li conosce, così come spesso non ne è al corrente il padrone.

Pochi sanno che un cane al mare rischia le scottature come gli umani e che ha bisogno di specifiche creme protettive. Come pure può risentire di lunghe passeggiate in montagna se non è allenato. Dei viaggi in macchina durante gli assolati e tormentati esodi per le vacanze forse si sa già di più, ma dei colpi di caldo sulla spiaggia ben pochi ne tengono conto.

Continua a leggere

[Cosa fare se…] Come affrontare il periodo estivo se hai 4 zampe e tanto pelo!

Cinque minuti in macchina sotto il sole possono essere fatali per un cane o per un gatto, i colpi di calore sono causa di morte per molti dei nostri amici a quattro zampe. Ecco alcuni accorgimenti da seguire per evitare il peggio.

di Priscilla di Thiene

I colpi di calore sono un vero e proprio pericolo per gli animali domestici, possono portare fino alla morte. Per questo con il rialzo delle temperature è bene tenere sotto controllo anche i nostri amici, seguendo alcune precauzioni.

‘Anche una semplice passeggiata, fatta nelle ore più calde, può essere pericolosa’, afferma la dottoressa Elena Garoni, medico veterinario e istruttore cinofilo, dell’associazione culturale ‘Spazio per noi’, dedicata allo studio della relazione tra persone e animali.
‘Noi diminuiamo la temperatura corporea attraverso la sudorazione, gatti e cani hanno le ghiandole sudoripare solo nei cuscinetti plantari e spesso per la loro mole non è sufficiente. Per questo motivo vanno in iperventilazione, ossia aumentano la frequenza respiratoria, tenendo la bocca perta e la lingua fuori’.

‘Ci sono poi razze più a rischio – prosegue la dottoressa Garoni – come le brachicefale, bulldog, carlini, boxer. Questi cani non hanno una canna nasale adeguata e soffrono di difficoltà di respirazione. Il bulldog poi è ancora più in pericolo perché è predisposto alle patologie cardiache. In questo caso il cuore viene richiamato a un maggior lavoro e non regge allo sforzo’.

Ecco allora qualche consiglio per evitare problemi ai nostri amici:

Continua a leggere