E adesso come sgorgo lo scarico intasato?

Sarà capitato a tutti di ritrovarsi con la scarico della vasca, del lavello o del bidet intasato e chiedersi: “e adesso come lo sturo senza usare i prodotti chimici che trovo al supermercato?”. Prodotti chimici che oltre a essere dannosi per l’ambiente e le nostre tubature, sono anche testati su nostri amici animali, e quindi assolutamente da evitare.

Mi sono ritrovata proprio in questa situazione qualche settimana fa e, pensa e ripensa, ho testato sulla mia cara vasca da bagno, oramai in stato di tracollo, il classico rimedio della nonna: un metodo ecologico, economico, semplice, veloce e totalmente vegan e con “ingredienti” che tutti noi abbiamo in casa. Basta munirsi di:

  • un bicchiere di sale grosso
  • 3-4 litri di acqua bollente.

Come procedere:

  1. prima di tutto, se dovesse essercene bisogno, eliminare l’acqua stagnante con un bicchiere o una spugnetta e togliere il tappo dello scarico;
  2. versare il bicchiere di sale nello scarico che sta gridando aiuto e aspettare 10 minuti; nel frattempo far bollire 3-4 litri di acqua;
  3. versare l’acqua bollente (attenti a non scottarvi) sul sale e attendere il miracolo.

Questo dovrebbe bastare per sturare anche il più intasato degli scarichi, ma se non fosse sufficiente si può ripetere il passaggio aspettando 15 minuti da un intervento e l’altro.

Io non ci credevo, ma funziona benissimo! Testato e approvato Big Smile


© RIPRODUZIONE INTEGRALE O PARZIALE VIETATA SENZA LINK ALLA FONTE: http://www.vegamami.it/

Ti piace il blog? Seguici! ;-)

vilandra

vilandra

Ciao, mi chiamo Cecilia e insegno chimica in un piccolo liceo privato del Canton Ticino. Da che mi ricordo sono sempre stata contro le pellicce, il maltrattamento degli animali, ma solo da qualche anno ho aperto gli occhi su quello che succede anche nel mondo della medicina (da qui la mia scelta di insegnare) e nel mondo dell'alimentazione animale. Sono una "novellina" vegan da quasi due anni, sto scoprendo e imparando molte cose che mi piacerebbe poter condividere non solo con chi condivide i nostri principi, ma anche con chi è all'oscuro di tutto per renderli consapevoli di quello che sta accadendo nel nostro mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.